Pino Collection, per gli amici a 4 zampe

Chi di voi mi conosce sa che oltre ad essere una crazy knitter sono una dog lover a tutti gli effetti. La mia Piuma è la prova vivente (e scodinzolante) di questa forma di follia: le ho dedicato persino un profilo Instagram.
Trovo stimolante trasferire questa passione per gli animali nei miei progetti, dagli allestimenti alla moda, e quando ho l’occasione di farlo ne sono molto felice. Ed è per questo che sono molto felice di presentarvi Pino in questo nuovo post di inizio anno. Sì, perché il vero anno non comincia a gennaio ma quando rientri dalle vacanze e ti rimetti al lavoro, dopo giorni passati con i piedi nella sabbia ad osservare l’oceano, facendo lunghe camminate, rimescolando i pensieri, facendo progetti per il futuro. Ovviamente non potevamo rientrare alla base se non con il botto…E allora ecco la nuovissima Pino Collection, una linea di accessori per cani che ho disegnato e realizzato con per Bettaknit. La trovate in vendita sul sito di Bettaknit, ovviamente in formato kit per sferruzzare un set personalizzato con le vostre mani. Ma facciamo le presentazioni come si deve, seguendo il mitico Pino. Poteva il nostro fedele amico non avere il suo set da “tavola”?Pino Feeding Mat tovaglietta rotonda in puro cotone riciclato, perfetta per avere il vostro “Pino” accanto a voi mentre spiluccate qualche snack magari da condividere con il vostro peloso. Io e Piuma, ad esempio, guardiamo sempre una puntata della serie tv del momento, divano, tisana aromatizzata allo zenzero e una vagonata di popcorn: ne vado matta e lei li adora (per lei in versione salt-free).

Con pancia piena, dopo la pappa, il nostro peloso non potrà mica stare sul pavimento, soprattutto ora che andiamo verso la stagione più fredda e umida di tutto l’anno. Non sia mai! Quindi, care le mie dog lovers, armatevi di uncinetto e annodate con destrezza il tappeto Pino Rugg con inserto a punto noccioline. Terrà al riparo il vostro amico a quattro zampe e le soffici palline massaggeranno delicatamente le sue zampette, la schiena… Chi ha un cane sa quanto una grattatina ogni tanto sia sempre ben accetta.

Per riprendersi dal riposino, quello che serve è una bella corsetta energizzante al parco. Bello sentirsi in un’eterna estate, ma diciamocelo, l’inverno è dietro l’angolo e non è il caso di farsi trovare in outfid da spiaggia. Neanche se sei un cane. Per questo ho realizzato il Pino Snood in soffice lana biologica, 70% lana e 30% alpaca, calda e disponibile in tante varianti colore. La volete sapere una cosa? Se la situazione si mette male, se ci sono più nodi nel vento che nel vostro gomitolo e il vostro amichetto inizia a tremare, potrete alzare il bavero del collo e anche le orecchie saranno al riparo.

Non vi resta che prendere in mano i ferri e seguire le istruzioni del kit. Scegliete attentamente il colore che farà risaltare il manto del vostro cane, proteggendolo e coccolandolo come solo voi sapete fare.

____________________

In questo post

Kit Pet Collection Ladylike Knit Design x Bettaknit

Ric-AMIAMO la tua musica

Ricamare in vetrina le vostre canzoni del cuore? Fatto. E, come direbbe Verdone, è stato ‘unsaccobbèllo’. L’intera città era viva sabato 24 giugno, per la grande Festa della Musica. Palchi ovunque, tremila musicisti all’opera, concerti e concertini sotto casa, nelle piazze, giri l’angolo e ti ritrovi negli Anni 50 a suon di rockabilly e gonne a ruota…Insomma, poteva mancare Ladylike? Absolutely n-o-t. Con Manuela di So&So, uno dei miei negozi preferiti a Brescia, abbiamo allestito il negozio a tema musicale, e abbiamo organizzato una sessione di ricamo live, un po’ speciale. Sì, perché chiunque poteva entrare e chiedermi di scrivere con ago e filo sulle t-shirt So&So un pezzo della sua canzone preferita. Et voilà una t-shirt ricamata a mano e super-personalizzata! Ho ricamato tantissime magliette (alcune le vedete nelle foto qui sotto), e anche se la Festa è finita, continuerò volentieri a farlo per voi a distanza: ho deciso di mettere qualche modello in vendita nel mio shop online, con parole e frasi che mi piacciono, come Love, I’m a unicorn, Run Baby Run. Se siete a Brescia, passate a trovarmi in laboratorio a Mo.ca o scrivetemi un messaggio,e ric-AMERÒ le magliette per la vostra vacanza 😉

Foto Pierre Putelli/Neg © www.giornaledibrescia.it
Foto Pierre Putelli/Neg © www.giornaledibrescia.it

HANNO SUONATO PER VOI:

Franco Battiato

Madonna

No Doubt

Kendrick Lamar

Piumella in vetrina

David Bowie

Jovanotti

Björk

The Ramones

Kraftwerk

...Lo show continua su Etsy!

Tropical paper, la mia giungla di carta

_Y4A8870Per questo progetto di set design a quattro mani con Fabrique Handmade nessun filo di lana è stato sfruttato: yarn and fabric free! Solo carta, tanta carta, pazientemente disegnata e minuziosamente ritagliata a mano con il PapercraftQuesta tecnica ha come base l’utilizzo della carta e a seconda degli strumenti utilizzati per lavorarla assume nomi e forme diverse. Ne fanno parte, ad esempio, gli origami (un lavoro di piegature manuali, forbici e colla non sono ammesse) e il pepakura dove per ottenere forme tridimensionali sono d’obbligo forbici, colla e taglierini. (altro…)

Le foto dell’evento Casoncandy

IMG_4289

Vi ricordate di Casoncandy? L’evento del 7 maggio con Elisa e Valentina di Mani In Pasta Lisboa durante il Brescia Design Festival, una doppia performance e un’installazione in cui ci siamo sbizzarrite a stampare, timbrare, uncinettare casoncelli giganti come fossero caramelle. Casoncandy è finito, ma vogliamo dirvi ‘Ricottati di me’, e allora ecco il foto-racconto di quella bellissima giornata. Grazie a tutti voi che siete passati numerosissimi e alla prossima!

Foto © Francesca Iovene

(altro…)

Con le Mani in Pasta

casoncandy-gold-cold-e1493804943971

Oggi vi presento le amiche di Mani In Pasta, e vi racconto dell’evento che faremo insieme il 7 maggio (qui potete vedere tutte le foto della giornata!) durante il Brescia Design Festival. Per farlo bene, però, devo prima parlarvi di un piatto mitico: Sua Maestà Il Casoncello. È una pasta ripiena tipica della mia città (Brescia), e qui ci piace prepararli con un cuore di formaggio, pangrattato oppure carne a seconda delle ricette, il tutto ricoperto e letteralmente annegato in un mix di burro fuso e salvia dorata. Slurp. La versione Ladylike è decisamente più healthy: stammi a sentire. Mani In Pasta é un progetto di food design con sede a Lisbona che reinterpreta in chiave contemporanea la cultura gastronomica italiana attraverso eventi pop up e design di accessori. Elisa Sartor e Valentina Toscano, architette di formazione e creative da sempre, sono le fondatrici. (altro…)

Tempo di #FashionRevolution

fashrev_march

24-30 aprile: segnate in agenda le date, perché è la settimana della Fashion Revolution.

Brevi cenni storici. Il 24 Aprile 2013, 1133 persone sono morte e molte altre sono state ferite quando il complesso produttivo di Rana Plaza, a Dhaka, in Bangladesh, è crollato. A questa e alle altre forme di sfruttamento nel mondo della moda il movimento della Fashion Revolution dice ‘basta!’ e ci invita con una settimana, e un giorno in particolare il 29 aprile a riflettere su quello che indossiamo ponendoci una semplice e schietta domanda: Chi ha fatto quello che indossi? Dalle star alle fashion victim, dai brand fino a noi comuni mortali, knitter incluse: tutti mobilitati e pronti al selfie esibendo l’etichetta dei propri vestitie chiedendo ai brand #whomademyclothes? Sono tanti i modi per partecipare all’iniziativa. (altro…)

Knit for kids: impazzire di telaio

IMG_0590 (1)

Tessere può voler dire molte cose. Dall’intrecciare al telaio i fili della trama con quelli dell’ordito per comporre una tessuto (come il ragno tesse la sua tela), ma anche comporre un discorso o elogiare qualcuno di cui abbiamo stima o affetto, allo stesso tempo, si può tessere un inganno o un tradimento. Cercando meglio sul vocabolario, ho scoperto che si usa anche nel linguaggio marinaresco in merito alla nave e al rollio causato dal mare grosso.
E cosa c’è di più intenso e vitale di un mare fatto di bambini? (altro…)

Piatti effetto pizzo

piatti-effetto-pizzo-01
Foto: fabkeramik.blogspot.it

Se state leggendo questo post perché sperate di trovare la ricetta del fantastico “brownie” svedese nella foto, temo che resterete delusi. Ma c’è una sorpresa. Oggi in realtà vi spiego come realizzare quello che sta sotto al dolcetto, ovvero un delizioso piatto decorato con una tecnica speciale (e molto semplice!) che permette di creare l’effetto pizzo. Che mi piace lavorare con fili, gomitoli, cordini, intrecci e nodi lo sapete, ma quello che trovo interessante e che voglio condividere con voi è scoprire sempre nuovi modi per usare le tecniche di maglia e uncinetto, spaziando a 360° e mixando i filati con materiali originali, come l’argilla. Per questo con i ragazzi di Progetto Tangram – Spazio per le arti a Brescia abbiamo deciso di lanciare il workshop Imprimi la tua trama!, una bella occasione per fare magie con la maglia e sperimentare con l’argilla. (altro…)